Il male e l’uso che ne fanno certi media

Condanna inequivocabile. Senza “se” e senza “ma”, come si usa sempre più spesso dire. Insomma, nessuna giustificazione per atti accertati e persone sicuramente coinvolte in atti di violenza e sopraffazione. È proprio la chiarezza di queste affermazioni a far emergere lo strabismo di certa comunicazione e la pregiudiziale che, in

Continue reading

Sano pluralismo con la libertà religiosa

Tra i tanti effetti del tragico moltiplicarsi di episodi di terrorismo perpetrati in nome della religione, vi è certamente quello di aver risvegliato l’attenzione sul tema della libertà religiosa. E, anche su questo tema, accanto a reazioni scomposte e semplicistiche si sono registrati commenti più o meno pertinenti. Tali, per

Continue reading

Una «conversione laica» dopo le Ramblas

La gravità della situazione venutasi a creare dopo la strage sulla Rambla di Barcellona, il bisogno di confermare la vicinanza già espressa da papa Francesco alle vittime e alle loro famiglie e la serietà professionale di autori e conduttori mi hanno convinto a interrompere il digiuno mediatico che mi ero

Continue reading

Le famiglie come mattoni della società

Ho l’impressione, a volte, che il parlare e lo scrivere del divario tra realtà vera e realtà percepita sia fatto apposta per … “rimandare tutto alla prossima volta”. Al prossimo convegno, alla prossima consultazione, al prossimo Governo, alla prossima “Conferenza”. Ammesso che qualcuno abbia voglia di mantenere la parola e assumersi

Continue reading

Quando integrazione è interazione

Mentre venivo chiamato (spesso, strattonato) a fare i conti con prese di posizione attribuitemi forzatamente sul tema della mobilità umana e con semplificazioni strumentali sul tema dello Ius culturae (espressione che preferisco largamente a quella riduttiva dello Ius soli), mi è stato concesso di immergermi in un clima e in

Continue reading